ORPHAN 55 – Recensione SPOILER di Saki

Orfano è un pianeta traumatizzato e abbandonato. Un bambino che ha subito tutto questo è peggio che orfano. Non per nulla, le parole chiave attorno a cui gira la puntata sono ADATTAMENTO e PRENDERSI CURA.
Se noi non ci prendiamo cura della Terra, ci saranno conseguenze – d’accordo, questa è la morale principale, ma non si limita a ciò. Se ti prendi cura di un figlio, si prenderà cura di te; se non lo fai, si adatterà per sopravvivere ugualmente, ma ti si rivolterà contro. Non saprà gestire le sue emozioni e agirà in modo distruttivo per sé e/o per gli altri.

Certo, è possibile ricucire i rapporti in seguito – l’abbiamo visto tra Ryan e suo padre, e verso la fine tra Bella e sua madre – ma non sempre funziona e a volte è davvero troppo tardi. Kane mi ha proprio fatto rivalutare le capacità genitoriali di Harry Potter in The Cursed Child, ed è tutto dire!

Ryan mi piace sempre di più e, appunto, il parallelo con Bella riguardo alla loro situazione familiare diventa sempre più concreto e sorprendente man mano che la storia va avanti. Un altro parallelo che mi è saltato alla mente è quello tra Bella e Bonnie del doppio episodio sugli Zygon: non solo perché sono entrambe due giovani terroriste, ma soprattutto per l’atteggiamento del Dottore nei loro confronti – metterle davanti alle loro responsabilità e incitarle a risolvere la situazione che hanno creato anziché punirle.

Il Dottore dice che il futuro che hanno visitato è solo uno dei molti possibili. Ha senso, perché non sembra ricordarsi di quel particolare evento; d’altra parte, è a conoscenza di molte altre occasioni in cui la Terra ha passato dei gran brutti momenti e poi si è ripresa (invasione dei Dalek, per dirne una). In quelle puntate, sia nella serie classica che in quella moderna, si è sempre posto l’accento su come l’umanità sia una razza tenace, che si evolve per sopravvivere, e in quelle occasioni il Dottore lo esternava con ammirazione. Qui è l’esatto opposto. Gli esseri umani sono in effetti “sopravvissuti”: prima scatenando guerre per la gestione delle poche risorse rimaste, poi, una volta distrutta completamente la possibilità di vivere sul pianeta, i più abbienti – tra cui, scommetto, gli stessi che hanno provocato sia i disastri ambientali che quelli bellici – sono emigrati altrove, gli altri sono mutati in creature feroci.

E sì, so che là fuori sono stati già vergati papiri su quanto Chibnall e soci abbiano sfornato la tiritera ambientalista dell’anno e sul fatto che nella fantascienza si sono sempre usati filtri più sofisticati per comunicare messaggi sociali, politici e quant’altro. Io dirò solo: lo showrunner attuale non li usa. L’abbiamo capito nella scorsa stagione, e quella in corso la riconferma; prendiamone atto. È perfettamente legittimo trovare “pessimo” o “irritante” questo modo di scrivere uno show, ma è il suo linguaggio e non smetterà di usarlo solo perché a molti non piace: di recente ha dichiarato che non legge nemmeno le recensioni XD

La critica che invece per una volta condivido è sulle serie carenze nella sceneggiatura e nelle scelte registiche – errori di una gravità che avevo percepito solo in altri episodi filler come, vediamo… solamente Flatline! Se seguite le mie recensioni sulla pagina, sapete che sono davvero di bocca buona: adoro il fatto che in questa puntata posso ritrovare ricordi di altre venti, da The Mysterious Planet con il Sesto Dottore allo speciale natalizio Voyage of the Damned; mi sta benissimo che la personalità del Tredicesimo sia un mix tra Davison e Tennant, con tutti i loro pregi e difetti – pacifismo ipocrita incluso, per cui non si può sparare ai ragni ma farli soffocare lentamente sì; mi piace la sensualità che sta emergendo in questa stagione, nei dialoghi tra Dottore e Maestro ma anche nel linguaggio del corpo tra Ryan e Bella; insomma, trovo tantissime cose positive. Ma la morte di Benni fuori scena può soltanto essere paragonata ai capelli di Capaldi improvvisamente più corti, o al finale con Clara che ripete le stesse cose per svariati minuti e ti chiedi se a Jenna mancasse una pagina del copione e avesse dovuto improvvisare. Il budget per gli effetti speciali può mancare, ma la professionalità di autori e crew dovrebbe restare al livello di una TV nazionale. O chiediamo troppo?

Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...