Doctor Who Italian Fan Club

DWOT 02/03/2020

Ciao a tutti e bentornati a DWOT che no, non sarà “Debunking Whatever Oba Told”! Avete avuto un DWOT scritto da qualcun altro e su un tema interessante: vi è piaciuto? Appunto la settimana scorsa avete avuto niente popò di meno che un Dalek a insegnarvi cosa sia la paura! Se non è brilliant questo… Io l’unico appunto che ho riguarda quel “hiding behind the sofa”, cioè nascondersi dietro il divano che è come i brits dicono di aver guardato Doctor Who da piccoli: io il divano ce l’ho sempre avuto appoggiato a un muro!

Questa credo sia satira britannica, ma confesso che non ho mai capito le vignette satiriche

Comunque se ci pensate è ovvio, banale e lapalissiano che l’acronimo di DWOT sia “Drafting Writers’ Oldest Tricks”, che credo possa essere un argomento interessante e propedeutico per la megarecensione di stagione che faremo nelle prossime settimane. Sto pensando proprio a un seguito di “One Last Thing about Series 11 and then I Swear to God I’ll Shut up Forever”, una roba tipo “One Complete Look on Series 12 but I Swear to God We’ll Talk again about It”, che mi porta a considerare che i titoli in inglese chiedono la maiuscola a tutte le parole che non siano congiunzioni e articolazioni e quindi devi fare un’analisi grammaticale anche solo per fare il titolo, ma non divaghiamo.

Quello che voglio fare è discutere di alcuni strumenti usati per scrivere le puntate di Doctor Who, che sono anche frequenti in tutto il cinema e la televisione, ma è obbligatorio che voi sappiate che la mia area di studi è la scienza e quindi vi invito ad approfondire quanto sto per scrivere. Per essere chiari: sono categorie, canoni, bozzetti che vedo quando analizzo puntate, non è sbagliato, ma sicuramente c’è chi fa questo lavoro con più cognizione di causa. Ciancio alle bande, apriamo con uno dei più classici, ossia…

Risultato immagini per hero's journey
Il viaggio dell’Eroe è il caso più generico di formula, al punto che non saprei dirvi un singolo caso di storia che vi astrae totalmente

Formula
I power rangers sono a farsi gli affari loro, in uno spaccato di vita quotidiana. Il cattivone li osserva e trova un modo per interferire con la loro quotidianità, mandando un mostro che prima crea confusione e tensione nel gruppo in modo indiretto, finché questo non realizza che sia una minaccia sovrannaturale, si trasformano, combattono, lui viene ingrandito e loro combattono nel Megazord, sconfiggendolo. Sì, ok, Doctor Who non è i Power Rangers, ma molte puntate si adattano a una falsariga e quelle che non lo fanno, solitamente, la sovvertono. Ho già parlato in passato dello schema base sotto assedio, ma vale anche per altri tipi di puntata, per esempio quella storica: Dottore e soci arrivano in civiltà passata, la esplorano, trovano qualcosa che non è come dovrebbe essere, risolvono la situazione. Oppure “invasione”: torniamo in un ambiente familiare, ma vediamo personaggi di questa quotidianità messi in pericolo da una minaccia aliena, questa si rivela, il Dottore e soci la combattono. All’interno di un approccio formulario rientra il trope del “mostro della settimana”, che è tanto radicato da aver tristemente debellato gli “storici puri”, posto che tantissime puntate probabilmente funzionerebbero meglio se adottassero quell’approccio. In ogni caso la formula è un template che rende più facile digerire il corso degli eventi: allontanati troppo e rischi di fare qualcosa difficile da comprendere, come Sleep no More, resta troppo inchiodato allo schema e avrai il classico caso di “già visto”

Risultato immagini per foreshadowing
Non è un caso se Star Wars, una delle storie più amate di sempre, abbia tutti i trope di cui vi parlo

Foreshadowing
Questo è piuttosto elastico nella propria applicazione. Etimologicamente vuol dire “ombra precedente”, dal prefisso fore- che tipo trovate anche in “forecast” per le previsioni meteo o in “before” che chiaramente deriva dal verbo essere. In pratica si tratta di mostrare un elemento che sarà risolutivo per la storia prima che questo sia di aiuto. Un esempio pratico è dedicare del tempo a esplorare la personalità di Mickey Smith prima che sia lui a risolvere la situazione in Age of Steel, o mostrare la storia di Clara Oswald a inizio puntata per dare rilevanza al suo intervento in The Rings of Akhaten. Una storia non deve mai avere elementi superflui, tutto quello che viene mostrato o raccontato deve avere una funzione, ma non necessariamente deve essere foreshadow: alcuni elementi servono per sviluppare i personaggi o fare worldbuilding. In ogni caso quello che deve essere rispettato è il principio della “Chekhov’s gun”, ossia “se hai una pistola appesa al muro nel primo atto, deve sparare nel secondo” e tanta più attenzione metti su un dettaglio, tanto più questo deve essere rilevante nella storia. Naturalmente un singolo elemento può essere usato per più cose e risulta anche più intelligente, nel caso. Ci sono alcune applicazioni atte a sovvertire questo principio, tipo il “red herring”, ossia una finta per mettere sulla cattiva strada lo spettatore -per esempio mostrare un personaggio con una musica minacciosa per far intendere che sia lui il cattivo, tipo Sirius Black per dirne uno- o dei “sideshadow”, mettere intenzionalmente l’accento su un dettaglio che non avrà alcuna rilevanza solo per sviare l’attenzione del pubblico.

Risultato immagini per macguffin
Che vi dicevo?!

McGuffin
Termine di Hitchcock, si tratta di avere un oggetto, tipicamente, relativamente inutile per la trama, ma che guida e rende dinamiche le interazioni dei personaggi. Uno degli esempi più classici è la valigetta di Pulp Fiction. Un esempio possiamo dire che sia il Momento del cinquantesimo: il pulsantone non viene mai usato, quindi non cambierebbe niente se fosse sostituito con una banana, per dire, ma mette in moto la storia.

Risultato immagini per tardis
Chiaramente quando una serie è letteralmente incentrata su una scatola misteriosa, non si può sviare al prossimo

The Mystery Box
Questo è un termine coniato da J. J. Abrams. Si tratta di introdurre un elemento allo spettatore che nasconde dei segreti o misteri. Tipicamente sia i personaggi che il pubblico tentano di risolvere questi misteri, ma alle volte il mistero è noto ai personaggi e nascosto al pubblico o i personaggi non sono nemmeno al corrente del fatto che un mistero ci sia. Per esempio il Dottore sapeva benissimo che dentro al Vault ci fosse Missy prima di rivelarlo a noi, o, nella stagione 8, noi eravamo al corrente di una certa Missy che accoglieva le persone morte nella puntata, mentre il Dottore non ne sapeva niente. Una Mystery Box è uno strumento potente, perché crea anticipazione e con la serialità permette di essere presentata in un momento e aperta a mesi di distanza, mantenendo la suspance per periodi inimmaginabili in un film, ma è anche un’arma a doppio taglio: molti ne hanno criticato l’uso di Moffat lampantemente atto a creare tensione per gli episodi venturi, quando la rivelazione finale non ha corrisposto alle aspettative. Per esempio il mistero di River Song, che si rivela essere la figlia di Amy è stato definito come “la spiegazione più banale” e criticato anche nell’esecuzione (io disaccordo). La stagione corrente fa ampio uso di Mystery Box con il Maestro, la nuova distruzione di Gallifrey, Ruth e il Timeless Child.

Risultato immagini per the timeless children
E ne parleremo nella megarensione, duh

E la chiuderei qua, onestamente. Non è chiaramente una guida comprensiva, ma spero sia stato uno spaccato interessante e propedeutico per termini che andremo a utilizzare. Avrete avuto modo di leggerlo nella mia minirecensione, ma l’episodio scorso mi ha lasciato interdetto e ho bisogno di digerire tutta la stagione prima di poter affrontare la megarecensione finale. Fino ad allora…

Risultato immagini per sixth doctor
Stay tuned, stay TARDIS, ciao dal vostro Sesto!

~Six

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: