Recensione 1×11, Boom Town

Ci sono puntate incredibilmente sottovalutate e Boom Town è una di queste. Forse la più esemplare. Ora, sono il primo a dire che non sia un capolavoro. Soffre di tutti i problemi di budget della prima stagione e della peggiore impronta Camp che Russel T. Davies ha dato alla sua era. Tuttavia contiene anche tuttti i punti di forza che vengono da un basso budget che costringe a compensare con idee geniali di scrittura, e il fascino di un Camp usato consapevolmente.

La trama è semplice Un’aliena flatulenta bloccata sulla Terra diventa sindaco di Cardiff per poter costruire una centrale nucleare da far esplodere per surfare sull’onda d’urto fino a Raxacoricofallapatorious. Il Dottore la ferma. E ditemi che non c’è già del genio.

Poi, come in tutte le storie dell’era Davies, c’è uno sviluppo delle relazioni tra i protagonisti. Jack si è unito a Rose e al Dottore e incontriamo di nuovo Mickey. Per i loro sviluppi vi invito a leggere la retrospettiva sul nono Dottore del nostro Six. I loro scambi sono frizzanti e ci fanno ricordare perchè siamo affezionati a tutti loro.

Ma voglio parlare principalmente di un componente, quello che mi fa amare questa puntata. Intendo il rapporto tra il Dottore e Margaret Blaine, la Slitheen in incognito. Quest’ultima da sola non è particolarmente interessante. Ha un piano delirante per tornare a casa, è cattiva ma con un briciolo di umanità (slitheenità?) rimasto, una storia tragica alle spalle e una seconda opportunità da manuale.

Ma quando interagisce con il Dottore, oh, quando interagisce con il Dottore!

I due attori, Cristopher Eccleston e Annette Badland hanno una chimica fantastica. La scena della cena riesce a essere sensuale, intrigante, divertente e piena di tensione allo stesso tempo. I due giocano al gatto e al topo scambiandosi continuamente di ruolo. Tutte le parti piene di clichèe vengono affrontate e ribaltate. Vi faccio un esempio: l’aliena ad un certo punto non uccide una giornalista perchè le confessa di essere incinta. Non è una brutta scena, ma è prevedibile. È il solito cattivo che però non lo è fino in fondo. Il Dottore la affronta e le dice che in realtà è solo un modo per potersi ingannare sulla sua vera natura, un assassino che lascia scappare una vittima ogni tanto per potersi raccontare di essere buono. È così o c’è davvero di più in lei? Non avremo una vera risposta, sta allo spettatore decidere. La cosa interessante è che non c’era assolutamente bisogno di inserire tale dubbio nella narrazione. Ma avremmo avuto una puntata piatta e dimenticabile.

Se è vero che molti skippano Nine ed è un delitto riconosciuto da tutti, forse è vero che molti, riguardando Nine, skippano Boom Town. E anche questo è un delitto, fidatevi!

Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...