Doctor Who Italian Fan Club

L’accento del Dottore

Ci sono alcune cose che mi danno da pensare, riguardo alla rigenerazione dei Signori del Tempo. Il nuovo volto è del tutto casuale? Vi ho proposto in un vecchio #tuesdaytheories una teoria per la quale sia sempre un volto già visto. Ma altre cose sono più vaghe. il carattere di una persona è dato da una predisposizione personale, ma anche dalle esperienze vissute. Il nuovo Dottore mantiene i ricordi delle sue incarnazioni precedenti, quindi, a parte le differenze dovute all’indole nuova, non potrà avere un modo di fare troppo diverso. Questo forse è meno vero di quanto potremmo aspettarci, ma in fondo è sempre il Dottore, quindi nella sostanza possiamo accettarlo. 
Ma ci sono altri fattori che sono prettamente ambientali. Il terzo Dottore aveva un tatuaggio sul braccio. Jon Pertwee lo aveva e quindi doveva averlo anche il Dottore, molto prosaicamente. Tuttavia forse un giorno vedremo teorie sul tatuaggio, chi lo sa.

Ma l’accento, per esempio? Il modo di parlare deriva dall’ambiente circostante. 
I primi Dottori parlavano con l’inglese standard, senza accenti. Il settimo fu il primo ad avere un lieve accento scozzese. L’inglese standard deriva, probabilmente, da fatto che il Tardis traduce nel modo più corretto e generale il modo di parlare.
Nella nuova serie gli accenti si fanno più marcati e diversificati. 
Come mai?

C’è una teoria che lo spiega e lo fa talmente bene che mi ha convinto. 
Il nono Dottore parla con l’accento dell’Inghilterra del nord. Quando si rigenera, perde questo accento.
Eccleston si rigenera di fronte a Rose, ragazza di Londra.
L’undicesimo Dottore si rigenera da solo, ma ha una visione (allucinazione?) di Amy che gli parla con il suo accento scozzese. Capaldi sembra ereditare questo accento.
Se la parte del passaggio tra Eccleston e Tennant è stata praticamente confermata da Russel T. Davies, è vero che tra Smith e Capaldi la cosa pare altrettanto ovvia.
Scopriamo poi, nello speciale del cinquantenario, che il War Doctor si rigenera con le parole di Clara in testa, spiegando così l’accento del nono Dottore. Per chi segue la serie in italiano, Clara ha un marcato accento del nord.

Non siamo ancora sicuri di che accento avrà il tredicesimo Dottore, ma non è detto che erediti di nuovo quello di Clara o quello di Bill. In fondo, dalle parole di quest’ultima, sicuramente aveva in testa l’importanza della femminilità. Un dettaglio come l’accento potrebbe essere sfuggito.
Quindi diciamo pure che questa teoria è confermata. Ma perché il Dottore inizia ad assorbire l’accento dell’ultima persona che vede solo nella nuova serie? 

Per come la vedo io il motivo è semplice. Anche se non a livello di puntate, cronologicamente la nuova serie inizia con la fine della Guerra del Tempo. Con “Il Giorno del Dottore”, speciale del cinquantenario. Il Dottore inizia una nuova fase della sua vita, plasmato da una companion importante quanto nessuno lo era stato mai. Una che ha attraversato e cambiato la linea temporale del gallifreyano. Parlo di Clara, ovviamente. E subito dopo incontra un’altra ragazza che avrà altrettanta importanza, Rose Tyler/Lupo Cattivo. Come non uscirne cambiati, da questi incontri, giusto?

Si, è sempre colpa di Clara. E di Moffat, ovviamente!

Brig