THIN ICE, recensione di Saki

Ci sono valori che noi consideriamo scontati, frasi che ci suonano come retoriche, trite e ritrite, ma ciò non trasforma la verità in qualcosa di meno importante.

C’è un tempo per disquisire del razzismo nella storia umana con un linguaggio “da Tumblr” e c’è un tempo per reagire con forza davanti ad esso. E il Dottore – che non è bianco o nero, non è uomo o donna, è solo il Dottore – è un Signore del Tempo, perciò lo sa perfettamente. È capace di insegnare, attingendo alla sua millenaria esperienza; di riconoscere con un distacco apparentemente crudele quando non può salvare qualcuno (come si era già visto in Into the Dalek, provocando sgomento e delusione nei suoi compagni di viaggio); ma anche di lasciarsi trasportare dalle emozioni di fronte alla pura e semplice ingiustizia. Lui è tutte queste cose e molto altro ancora.

Il mio consiglio è di tornare bambini, per quei 45 minuti, e gustarci il più possibile senza preconcetti le mille sfumature del nostro folle e saggio eroe. Se anche una sola persona ha imparato dalla visione di Thin Ice qualcosa di nuovo sul nostro passato e di conseguenza sul nostro presente, le parole del Dottore – anzi, della bravissima Sarah Dollard – non saranno andate sprecate. E se riusciamo ancora a sorridere per l’espressione di Bill alle prese con il… supercarburante, non tutto è perduto.

Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...