SMILE, recensione di Dalek Oba

Smile! La puntata con i tanto annunciati emojibots inizia esattamente dove abbiamo lasciato Bill e il Dottore alla fine della precedente, in procinto di partire (contro il parere di Nardole). La ragazza sceglie di viaggiare nel futuro, per vedere se sarà positivo, e il Dottore la porta proprio in una colonia terrestre progettata per la felicità assoluta dei suoi abitanti. Ovviamente, le cose non vanno per il verso giusto.

Smile è scritto da Frank Cottrell-Boyce, già autore di In the Forest of the Night, ed è effettivamente impossibile non notare delle somiglianze nell’impostazione dei due episodi, tra pregi e difetti: umani contrapposti a un’altra specie – gli alberi nel primo caso, i Vardy nell’ultimo –  le cui intenzioni vengono fraintese dal Dottore, che solo alla fine comprende i suoi errori. Sempre come In the Forest of the Night, la trama è interessante e permette svariati spunti di riflessione, ma la risoluzione finale mi sembra fin troppo lunga e “spiegata” apposta per il pubblico, quando in realtà era già in buona parte intuibile nel corso dello svolgimento.
In ogni caso però Smile esce vincitore dal paragone: i dialoghi tra Bill e il Dottore sono brillanti e mai banali, e l’idea che i robot abbiano sviluppato una propria consapevolezza, di certo non nuova nel panorama fantascientifico, in questo caso è ben utilizzata. Molto positiva anche l’intuizione di mostrare gli stati d’animo dei due protagonisti attraverso le spille-emoji, in modo sintetico ma efficace. Ottimo strumento narrativo ma… non credo che le vorrei nella vita reale.

Ho notato inoltre molte somiglianze con altre puntate – suppongo volute – specialmente quelle che riguardano i primi viaggi delle nuove companion. Come per il primo viaggio di Rose e quello di Amy, ci troviamo in un futuro in cui ormai la Terra è stata abbandonata; con il primo viaggio di Amy e con quello di Clara, Smile ha in comune la presenza di un bambino in difficoltà, che piange, anche se in questo caso è una figura più marginale.
Torna anche il tema dei negoziati tra umani e un’altra specie con cui si trovano a condividere lo stesso luogo: quelli falliti di The Hungry Earth/Cold Blood, e quelli riusciti di The Day of The Doctor, ottenuti, come in questo caso, grazie a un’amnesia indotta dal cacciavite sonico.
Il Dottore, infine, torna a utilizzare fiabe come metafore, chiaro riferimento a Heaven Sent.

Azzeccate le citazioni a episodi precedenti: il busto di Nefertiti, un’immagine di Van Gogh nel libro (…e-book?) che guarda Bill, il “Come along!” a lei rivolto dal Dottore (a cui è stato difficile non ribattere con un “Pond!”), il riferimento all’astronave di The Beast Below. E belle anche le citazioni “esterne”: il Dottore che va a sabotare il motore ricorda molto il vecchio Obi-Wan Kenobi nel primo Star Wars (il primo in ordine di uscita. Insomma, il quarto. Insomma, avete capito.), e la sua citazione di Ashes to Ashes di David Bowie rivolta a uno degli emojibot, “I’m happy, hope you’re happy too”.

Vorrei parlare del Vault ma… aspetto ancora. Vediamo come si evolve la faccenda.
Piccola nota sul finale (e, paradossalmente, sull’inizio): anche il prossimo episodio a quanto pare comincerà esattamente dove questo è terminato… sarà così per tutta la stagione? Sarebbe molto interessante.

 

Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...
Responsive Menu
Add more content here...